NEWS NOVEMBRE 2017

INTERESSI PASSIVI
Interessi passivi su mutuo per ristrutturazione dell’abitazione principale pagati da coniuge superstite
È prevista la detraibilità nella misura del 19% (entro la soglia di 2.582,28 euro annui) degli interessi passivi ed oneri accessori derivanti dai contratti di mutuo ipotecario stipulati per la costruzione o la ristrutturazione dell’abitazione principale. Nel caso oggetto di interpello l’istante aveva contratto con il proprio coniuge un mutuo ipotecario destinato alla ristrutturazione e, a seguito della morte della moglie, ha chiesto se è possibile detrarsi l’intera quota di interessi passivi a seguito dell’accollo del mutuo. L’Agenzia delle entrate aveva già espresso parere favorevole alla detrazione integrale degli interessi passivi da parte del coniuge superstite nel diverso caso di acquisto dell’abitazione principale ed ora, con la pubblicazione della risoluzione n. 129/E/2017, afferma che lo stesso principio può applicarsi nel caso in cui il contratto di mutuo sia stato stipulato per la ristrutturazione dell’abitazione principale, sempre che ricorrano le altre condizioni richieste dall’articolo 15, comma 1-ter, D.P.R. 917/1986.
(Agenzia delle entrate, risoluzione n. 129, 18/10/2017)


IMPRESA FAMILIARE
Regime fiscale dell’impresa familiare applicabile anche al reddito attribuito al convivente di fatto
La L. 76/2016 ha disciplinato il regime delle convivenze di fatto e introdotto l’articolo 230-ter del codice civile recante la regolamentazione delle prestazioni di lavoro rese in favore del convivente di fatto che si sostanzia nel diritto alla partecipazione agli utili dell’impresa familiare (nel caso in cui non sia configurabile un diverso rapporto di società o di lavoro subordinato). Il regime tributario dell’impresa familiare è previsto dall’articolo 5, comma 4, D.P.R. 917/1986 ed è applicabile anche alle convivenze di fatto, a seguito di sottoscrizione di scrittura privata autenticata con la quale venga inquadrata nell’impresa anche la convivente, in quanto l’articolo 230-ter del codice civile prevede espressamente il diritto alla partecipazione agli utili da parte del convivente che presta stabilmente la propria opera all’interno dell’impresa.
(Agenzia delle entrate, risoluzione n. 134, 26/10/2017)


SPLIT PAYMENT
Pubblicati gli elenchi validi per il 2018 dei soggetti tenuti all’applicazione dell’articolo 17-ter
Sono stati pubblicati gli elenchi provvisori validi per il 2018 delle società controllate e quotate soggette alla disciplina dello split payment. L’elenco definitivo sarà pubblicato entro il 15 novembre 2017. Il dipartimento ricorda che negli elenchi non sono incluse le pubbliche amministrazioni tenute all’applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti, per le quali occorre fare riferimento all’elenco Ipa, pubblicato sul sito www.indicepa.gov.it/. Il dipartimento comunica inoltre che, dopo le segnalazioni giunte da alcuni contribuenti rispetto agli elenchi definitivi per il 2017 pubblicati lo scorso 14 settembre 2017 e le conseguenti rettifiche, si è proceduto alla loro ripubblicazione.
(Ministero dell’economia e delle finanze, comunicato, 31/10/2017)

CARRIED INTEREST
Qualificazione reddituale dei proventi derivanti da strumenti finanziari aventi diritti patrimoniali
L’Agenzia delle entrate si è espressa sul trattamento fiscale dei proventi derivanti da strumenti finanziari aventi diritti patrimoniali rafforzati, percepiti da dipendenti e amministratori di società (o di società da esse controllate), enti o società di gestione dei fondi (Sgr), disciplinati dall’articolo 60, D.L. 50/2017. Questi proventi (carried interest) sono incentivi riconosciuti ai soci/azionisti che sono anche dipendenti o amministratori della società che, al ricorrere di determinate requisiti previsti normativamente, sono considerati redditi di capitale o redditi diversi.
(Agenzia delle entrate, circolare n. 25, 16/10/2017)

ERRORI CONTABILI
Errori reiterati sanabili mediante ravvedimento operoso se già accertati in un periodo di imposta precedente
L’articolo 1, comma 4, D.Lgs. 471/1997 dispone la riduzione di 1/3 della sanzione base applicabile in caso di infedele dichiarazione ai fini delle imposte sui redditi se la maggiore imposta o il minore credito accertati sono inferiori al 3% del dichiarato e complessivamente inferiori a 30.000 euro ovvero se l’infedeltà è conseguenza di un errore sull’imputazione temporale dei componenti di reddito purché gli stessi abbiano già concorso alla determinazione del reddito nell’annualità in cui è intervenuta l’attività di accertamento. Pertanto, la riduzione di 1/3 della sanzione base può essere ordinariamente applicata solo in sede di accertamento. L’Agenzia delle entrate chiarisce, tuttavia, che nel caso gli uffici abbiano rilevato in fase di accertamento un errore che è stato reiterato da parte del contribuente anche nei periodi di imposta successivi, è possibile applicare il ravvedimento operoso.
(Agenzia delle entrate, risoluzione n. 131, 23/10/2017)

INTRASTAT
Chiarimenti sulle modifiche introdotte con decorrenza 1° gennaio 2018
L’Agenzia delle dogane ha fornito chiarimenti in relazione alle semplificazioni riguardanti l’eliminazione dell’obbligo di presentazione dei dati fiscali sugli acquisti di beni e servizi intracomunitari e alle altre semplificazioni di natura statistica, che entreranno in vigore dal 1° gennaio 2018 a seguito della pubblicazione del provvedimento n. 194409/2017 dell’Agenzia delle entrate.
(Agenzia delle dogane e dei monopoli, nota n. 110586, 09/10/2017)

INDICI SINTETICI DI AFFIDABILITÀ
Pubblicate le bozze dei modelli ISA e dei modelli Studi di settore per il periodo di imposta 2017
Sono in corso di pubblicazione sul sito dell’Agenzia delle entrate le bozze dei nuovi modelli per la trasmissione dei dati rilevanti ai fini dell’applicazione degli indicatori sintetici di affidabilità fiscale e delle bozze dei modelli studi di settore. Si segnala che per le attività non citate nel provvedimento n. 191552/2017, devono ancora essere presentati i modelli relativi agli studi di settore/parametri.
(Agenzia delle entrate, sito web, 31/10/2017)

 






Studio Realdon
Padova, via Cavalletto n. 3
Este, Gall. pr. Umberto 38/L
P. IVA 00396100281
Telefono 0429602122
Fax 0429600519
Email Clicca qui
PEC Clicca qui

Informativa sui cookie

 

Web Art Studio Web Agency - Realizzazione Siti Internet